Sabine Meyer | clarinetto & Quartetto Armida

26|04

20h | EURAC € 30 | ridotto € 10-15*

*

Sabine Meyer | clarinetto
Quartetto Armida
LUDWIG VAN BEETHOVEN : Quartetto n. 4 in do min. op. 18/4
JÖRG WIDMANN : Quartetto n. 3 ‹Jagdquartett›
WOLFGANG AMADEUS MOZART : Quintetto con clarinetto in la magg. KV 581

Sabine Meyer | clarinetto & Quartetto Armida

© Christian Ruvolo

Sabine Mayer è una delle più affermate soliste al mondo. È grazie a lei che il clarinetto, spesso sottovalutato come strumento solista, ha conquistato i palcoscenici concertistici. In oltre trent'anni di attività ha tenuto innumerevoli concerti e apparizioni radiofoniche e televisive in tutti i centri musicali in Europa, Brasile, Israele, Canada, Cina e Australia, Giappone e Stati Uniti.
Sabine Mayer è particolarmente affezionata alla musica da camera alla quale attribuisce grande importanza con collaborazioni stabili e di lunga durata. Ha suonato con artisti come Heinrich Schiff, Gidon Kremer, Oleg Maisenberg, Fazil Say, il Quartetto di Hagen, il Tokyo String Quartet e il Quartetto Modigliani. Sabine Mayer si esibirà a Bolzano il 26 aprile e a Merano il 27 aprile con il Quartetto Armida nel Quintetto con clarinetto di W. A. Mozart.
Dalla sua spettacolare affermazione al Concorso Internazionale di Musica ARD 2012, dove il Quartetto Armida ha vinto il primo premio, il Premio del Pubblico e altri sei premi speciali, la carriera del giovane quartetto d'archi berlinese si è rapidamente sviluppata. Nella scorsa stagione il quartetto è stato inserito nella rinomata serie dei concerti "Rising Stars" nelle principali sale da concerto d'Europa.
La regolare collaborazione con altri artisti riveste grande interesse per il Quartetto Armida che ha già collaborato con Anna Prohaska, Thomas Hampson, Max Hornung, Tabea Zimmermann, Jörg Widmann e Daniel Müller-Schott. A Bolzano il Quartetto Armida eseguirà il Quintetto con clarinetto di Mozart assieme a Sabine Mayer, il Quartetto in do minore op. 18/4 di Ludwig van Beethoven e il sorprendente "Jagdquartett" di Jörg Widmann del 2003.

In collaborazione con Musik Meran.